martedì 27 aprile 2010

Cake ai due tipi di caffè

[English version below]

Cake ai due tipidi caffè Cop

La facilità con la quale certi medici di base “sparano” diagnosi mi lascia senza parole. Non se la prendano eventuali dottori che dovessero leggere questo post, lo so’ che non bisogna generalizzare ma sembra che sul mio cammino si trovino soltanto coloro che godono a fare del “terrorismo psicologico”. Se dieci anni fa’ volevano farmi una biopsia dei linfonodi del collo e nel caso operarmi per l’asportazione della tiroide, (per fortuna, ho incontrato un medico che ha “sistemato” il danno con delle pastiglie da prendere a vita) ieri mi è capitato ciò che sto’ per raccontare.

Da un paio di settimane sono raffreddata (grazie a Giorgia che si è presa qualche bel virus influenzale e ha voluto condividerlo con me) e visto che aspirina e aerosol non migliorano la situazione, ieri pomeriggio fisso appuntamento dal medico di famiglia. Lascio Enrico a casa con Giorgia, dicendogli di aspettarmi per merenda tanto tornerò subito, così mi reco in ambulatorio. Tocca a me, entro, saluto e mi siedo per illustrare il mio stato di salute nel mentre, mi viene in mente che è da una settimana che pur facendo sciacqui con collutorio all’aloe non mi passa una brutta morsicata che mi sono data alla guancia vicino ai denti del giudizio (è capitato anche a voi? Che male!) inoltre, faccio notare al medico di avere, chissà da quanto tempo, magari da sempre o magari da pochi giorni, una macchiolina sulla gengiva simile ad una “capocchia di spillo”.

Allora per la gengiva gonfia mi prescrive antibiotico per 6 giorni, facendomi male anche il linfonodo presume ci sia un’infezione, per la capocchia di spillo, il medico cambia espressione. Lo guardo chiedendomi tra me e me se è il caso di pronunciare parola. Mi anticipa e, così come si ordina un caffè al bar, mi stampa l’impegnativa per una visita specialistica da un chirurgo maxillo facciale per una biopsia. Ciò che le è sembrato di vedere deve essere analizzato. Il dentista, mi dice, potrebbe solo guardare ma non può fare biopsie.

Alla faccia (non ho proprio pensato queste esatte parole…) penso io. Dottore sono qui per un raffreddore possibile che me ne torno a casa con un pacchetto regalo come questo? E poi penso, cavolo (anche qui non è proprio la parola che ho usato) non poteva “indorarmi un po’ la pillola” visto che già di mio sono una persona molto emotiva? Eppure son sei anni che mi conosci, dammi un tuo parere professionale ma aggiungi che so’: secondo me, forse, potrebbe, vediamo cosa dice lo specialista caso mai deciderà lui il da farsi…è chiedere troppo?

Esco dall’ambulatorio e telefono ad Enrico per cercare di metabolizzare la notizia, me ne torno a casa e non appena entro trovo già il pc acceso per cercare il termine usato dal dottore e vedere di che cosa si tratta. Da qui ho capito che è meglio non indagare su internet per quanto riguarda la propria salute o quella dei nostri cari. Meglio aspettare il parere dello specialista. Ieri credo di aver perso 10 anni di vita, sembra incredibile ma sono state ore d’inferno…

Digito la parola scritta nero su bianco dal medico su Google e mi rendo conto della gravità del problema, male che vada nel tempo svilupperei comunque un brutto male. Inizio a singhiozzare davanti allo schermo, Enrico è alle mie spalle e Giorgia che fa merenda chiede al papà “pecché mamma pange?” ed io scoppio a piangere più forte (anche adesso che scrivo mi vengono gli occhi lucidi a ripensarci). Ci abbracciamo e ci teniamo stretti stretti, nonostante non sia riuscita a dire granché, se non “H-O-P-A-U-R-A”, Enrico con la mente stava già pensando a chi chiamare per avere un altro parere.

Chiamiamo il mio precedente medico di famiglia che ho dovuto lasciare a malincuore essendomi trasferita in un’altra Regione, ma non risponde(aveva “azzeccato” il mio ipotiroidismo, gli ictus di mia nonna e i problemi cardiaci di mia madre risolti con un’operazione…) .

Che si fa? In attesa di prenotare la visita l’indomani mattina provo a telefonare al mio dentista, è dietro casa e magari riesce a darmi un’occhiata o indirizzarmi presso qualcuno che conosce. Risponde…mi fissa un appuntamento per la sera stessa. All’ora stabilita Enry decide di accompagnarmi, lasciamo Giorgia alle cure di mio cognato che provvidenzialmente è passato a trovarci e ci fiondiamo nel suo studio.

Per la prima volta è stato un piacere sedersi su quella poltrona dove regolarmente tendo a scivolare. Mi ha rassicurato (dandomi della cretina perché sono andata a guardare su internet) e dando del terrorista" al medico che mi ha fatto tale diagnosi perché la “capocchia di spillo” è semplicemente un osso facente parte della conformazione della mia bocca, non siamo tutti uguali, io ho questa piccola e quasi invisibile protuberanza! Mentre, per la gengiva gonfia causata dal morso mi ha ordinato di non prendere assolutamente l’antibiotico, in quanto il linfonodo è dolorante perché mi sono data proprio un bel “cagno” e non è stato curato come si deve (il mio ultimo faidate promesso!).

La visita si è conclusa con un respiro di sollievo da parte di tutti i presenti, il dentista mi ha annunciato che se il problema fosse stato realmente quello detto dal medico di base non sarei morta subito al massimo dopo 3 mesi, quindi sarei ancora in tempo per fare una visita dallo specialista – suo amico, nonché luminare nel suo campo - purché non faccia il suo nome, perderebbe la reputazione perché manda gente sana a farsi controllare le ossa! Oltre una risata e qualche capello bianco in più, ho portato a casa un gel e un collutorio che dovrebbero farmi tornare la guancia (e linfonodo di conseguenza) a livelli normali.

Stamattina dopo solo due applicazioni di gel e collutorio sto’ già meglio. L’antibiotico l’ho messo nel cassetto e voglio dimenticarmelo insieme all’impegnativa per la visita specialistica.

Ieri guardavo Giorgia giocare come se fosse l’ultima cosa che avrei visto fare alla mia bambina e pensare che in teoria avremmo voluto allargare la famiglia. Oggi ho deciso di cambiare medico di base e mettere in pratica la teoria. Alla faccia di chi mi vuole male.

Da questa esperienza ho capito quanto una brutta notizia possa cambiare la vita da un momento all’altro e che questo blog non è solo un taccuino di appunti sul quale annotare ricette che mi piacciono ma rappresenta me stessa, sono io, è il diario della mia vita, quindi importante come tante altre cose a cui tengo.

Stamattina ho voluto preparare una torta che mi tirasse su’ il morale definitivamente e ho trovato questo Cake che anche nel nome, metaforicamente parlando, ricorda l’esperienza appena vissuta (due tipi di caffè = due tipi di Medici e diagnosi) quindi ecco la mia torta del sorriso!

L'ho notato solo dopo averlo pubblicato...questo è il mio 100° post ^_^

Cake ai due tipidi caffè 1 Cop

Cake ai due tipi di caffè

Ingredienti

  • 180 gr di farina
  • 170 gr di zucchero
  • 150 gr di burro fuso
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di caffè solubile
  • 1 cucchiaio di caffè macinato in polvere
  • la scorza grattugiata di un’arancia un lime
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale

Procedimento

  1. Scaldate il forno a 180°C.
  2. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake o federatelo con carta da forno.
  3. Sbattete le uova con lo zucchero fintanto che il composto avrà raddoppiato il volume e sarà diventato spumoso.
  4. Aggiungete la farina a poco a poco e il burro fuso.
  5. Unite la scorza dell’arancia del lime e i due tipi di caffè.
  6. Incorporate delicatamente il lievito. Mescolate e versate l’impasto nello stampo e infornate subito.
  7. Fate cuocere per 45-50 minuti.
  8. Lasciate raffreddare il cake prima di sformarlo.

Fonte: Cakes dolci e salati – Ilona Chovancova

Con questa ricetta partecipo al Contest di beneficienza indetto da Lavazza

neronero

29 commenti:

  1. Dai, ciò che conta è che è stato solo un attimo e ora è finita! Bel dolce per un sorriso ritrovato! Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Santo Cielo, purtroppo la mancanza di umanita' fa di molti medici dei dottori imperfetti...
    Ho tirato un sospiro di sollievo per te, andando avanti con la lettura, e mi sono guduta alla fine la bella torta: ci voleva proprio!
    Un bacione (e cambia medico di famiglia...)

    RispondiElimina
  3. E' allucinante quello che hai passato, hai fatto benissimo a cambiare medico di base, il fatto di non essere stato in grado di riconoscere la sporgenza di un osso, ma soprattutto il terrorismo che ha fatto, non sono qualificabili! Il suo non è di certo un comportamento accettabile, chiunque si sarebbe agitato, chiunque, anche la persona meno emotiva! E poi hai ragione anche sul fatto che per quanto riguarda la salute, andare a consultare Internet non è la cosa migliore, si entra dentro forum dove si legge di tutto di più e soprattutto se ne esce con tanta confusione ed anche ancora più spaventati perchè lì è un calderone di esperienze, di storie, di ipotesi e tutti alla fine convengono nel dire che è il caso di fare una visita con lo specialista!
    Questa torta ha un sapore di ritorno alla vita spensierata ed al sorriso, oltre a questo è buonissima e te lo dicono due che amano alla follia il caffè!
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. beh son contenta che tutto si sia risolto per il meglio e come te ho scongiurato anche io l'intervento con le pasticchine a vita. Agli inizi pensavo sempre, ma se scoppia una guerra e non si trovano più le mie pasticchine, che faccio?.... sì, tiriamoci su con una bella fetta di caffeina...

    RispondiElimina
  5. cosa????????????? ma guarda che dovrebbe partire una bella denuncia altrimenti quello terrorizza qualcun'altro... ma che pazzo è???????????????????? è meno male che ti sei consolata poi anche con questo cake meraviglioso e brava, ora pensa positivo! un bacio Ely

    RispondiElimina
  6. Ho immaginato di vivere la tua situazione e l'angoscia mi ha travolta... Anch'io sono una che, come te, si fa un pò prendere dal panico e come te guardo su internet per capirci di più quando si parla di salute... Ho capito anch'io che è più un male che un bene e che è meglio avere una risposta da un essere umano in carne ed ossa, piuttosto che da un computer!
    Fai bene a cambiare medico, spero che il prossimo sia migliore e più umano!!
    In bocca al lupo e complimenti per il cake ;)
    A presto :)

    RispondiElimina
  7. Cavoli!... un po' precipitoso il tuo medico e pure poco attento alla sensibilità dei pazienti....che poi dovrebbe essere la prima attenzione da dimostrare soprattutto in certi casi!
    Comunque meno male che la tua preoccupazione è rientrata e non hai più motivo d'allarmarti e vivere momenti d'ansia.

    Il tuo dolce è molto goloso e certamente c'è motivo per festeggiare....però quando passo di qui non posso fare a meno di concentrarmi sulle tue "vetrine" di salati!!

    un abbraccio...Fabiana

    RispondiElimina
  8. Ho letto per intero il tuo post e mi dispiace davvero per lo spavento che ti sei presa,mi permetti però un consiglio da amica virtuale?capisco quello che hai provato ,ma cerca di essere un pochino più forte e meno emotiva perchè succede spesso che i medici facciano diagnosi sbagliate e se dovesse ricapitare non puoi morirne ogni volta,Due evita assolutamente di digitare su internet,ci trovi tutto e il contrario di tutto e ti farà stare solo peggio,terza e ultima cosa cerca di non angosciarti davanti ai figli che loro assorbono tutto e soffrono a sapere che la mamma sta male,a te poi passa,loro continuano ad avere paura che la mamma stia male(non so però l'età dei tuoi figli,forse sono ragazzi e allora scusami).La mia non vuole essere un rimprovero anzi capisco la paura,ma prova a non farti soccombere.Ti abbraccio e sgridami pure se ti ho in qualche modo offesa,ti assicuro non era mia intenzione.Un bacione e ridici sopra.

    RispondiElimina
  9. cambiare medico è una priorità ......queste "avventure" ci fanno capire quanto sia importante la salute e come la prospettiva delle cose della vita possa cambiare all'improvviso, per fortuna è andato tutto per il meglio e con questo cake festeggio insieme a te il lieto finale, bacio!

    RispondiElimina
  10. Tutto bene ciò che finisce bene!!! E anche il plumcake è un dolce lieto fine!!!
    Baci

    RispondiElimina
  11. ma tu guarda...hai ragione da vendere!!La mia è bravissima, per carità, ne sa a pacchi, ma ogni volta che entro nel suo studio e dico "mi fa male qui" o "si è ingrossato qui" mi fissa come se mi restassero 3 ore di vita e comincia a martellarmi di domande, mi visita con sguardi terrorizzanti e finisce sempre con lo strabaltarmi di medicinali...per un dente del giudizio mi ha dato dosi di cortisone che sarebbero bastate ad un cavallo...e io da brava studentessa di questa materia bellissima ho fatto il "fai da me"...una settimana di sciacqui con colluttorio+antinfiammatorio e via...come nuova!!!
    E almeno la mia ci becca...il tuo è davvero pessimo!!!Allarmista è pure carciofone, un brocco, in materia!!!Fai meglio a cambiarlo!!!

    Dài, per fortuna che non è niente...e poi c'è sempre la tua bella cake a tirar su il morale!!!

    RispondiElimina
  12. Caspita che paura....certo che ci sono medici che mancano di sensibilità..e forse "professionalità"?
    Per fortuna che è stato tutto un allarme inutile e che ora sei qui a scrivere serena.
    Ti abbraccio con affetto.

    P.S.

    quella torta al caffè sembra squisita!!

    RispondiElimina
  13. Io tuo racconto ha semplicemente dell'incredibile! Meno male si è risolto tutto solo con un grande spavento ma resta il fatto che certi medici spesso sono troppo superficiali e indelicati e a farne le spese sono i poveri pazienti (quando possono ancora definirsi tali e non semplici "numeri"). Se non fosse tragica sarebbe comica...Per riprendersi da una brutta avventura così ci sta proprio bene questo plum cake caffettoso, ottimo per cominciare bene la giornata. In bocca al lupo per il contest e auguri per tutto. Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  14. tesoro, credo che l'unica cosa che ti sarebbe davvero utile sarebbe qualche esercizio di rilassamento, anche solo di respirazione. oltre a una bella fetta di questa splendida torta ;)
    ciao!

    p.s. si si si, cambia medico!

    RispondiElimina
  15. beh, sai io ho avuto l'esperienza opposta...i medici mi hanno sempre
    rassicurata e nel frattempo nella mia bocca di rosa è cresciuto il
    male; grazie a Dio non sono morta...il 18 maggio fa un anno che
    mi hanno operata, ogni due mesi faccio i controlli adesso devo
    fare una tac, la paura me la porto appresso purtroppo ancora
    tutti i giorni e sebbene mi sono sentita dire dallo specialista:
    "meno male che te ne sei accorta; non dovrebbero esserci problemi
    di vita" (quel maledetto dovrebbero mi risuona nel cervello di tanto
    in tanto!)non posso non pensare a tutti quei medici che mi avevano
    detto che non era niente di grave...
    insomma, tutto sommato meglio allarmarsi per niente, no?
    p.s.
    io su internet non ci sono mai andata; non mi interessano le statistiche
    e non ho bisogno di spaventarmi ancora di piu'!
    p.p.s.
    dev'essere buonissima quella torta!!!

    RispondiElimina
  16. @Barbara: è vero ma in quell'attimo penso di aver preso un bel colpo...bacioni

    @arabafelice: sarà fatto, caspiterina se lo cambio! Ti abbraccio forte

    @Cristina: evviva la pasticchina ^_^ buttiamoci sul caffè!

    @Luca and Sabrina: avete ragione, io sono stata troppo precipitosa e mi sono fatta prendere subito dall'ansia e dai pensieri negativi, dovrei essere più forte sotto questo punto di vista...ci devo lavorare su ma è proprio un lato di me che non riesco a cambiare. Il pensiero di non esserci per Giorgia ha prevalso sul buon senso. Il medico però lo cambio! Grazie e tanti bacioni, posso offrirvi una fettina di torta? ^__^

    @Ely: mangio il cake e non ci penso più se no la tinta nera ai capelli al posto di farla una volta al mese dovrei farla una volta a settimana! ;*

    @Danea: Mi tengo stretta il tuo in bocca al lupo e i complimenti per il cake :**

    @Cassandrina: è vero, questa volta ha toppato in sensibilità! Spero che il prossimo sia meglio ;*

    @nitte: mi "rimproveri" amichevolmente in 3 punti e hai perfettamente ragione, fai bene a cazziarmi, ogni tanto mi dimentico che non sono più una bambina e dovrei affrontare certi problemi con più maturità ma stavolta non ci sono proprio riuscita. Ciò che mi hai detto tu me lo ha ripetuto anche Enry tornando da lavoro ieri sera e obiettivamente non ho nulla da aggiungere se non avete ragione! Ti abbraccio forte forte e grazie per il cazziatone, ogni tanto ci vuole ;)

    @astrofiammante: come mi ha detto un amica dopo averglielo raccontato "non è importante come cadi ma come ti rialzi" spero di aver imparato la lezione e se ci sarà una prossima volta l'affronterò con i piedi di piombo. Bacioni

    @fantasie: parole come musica! Ti abbraccio

    @unazebrapois: mi raccomando non mi diventare un medico o farmacista insensibile ;**

    @ricetteamorefantasia: mi prendo il tuo abbraccio molto volentieri ^__^

    @federica: a rileggerlo mi viene da sorridere, potrei inviarlo a Moccia e chiedere se ci vuole fare un film: "scusa se ti ho fatto perdere 10 anni!"...che dici? un bacione ^__^

    @Luxus: ooooooooooooooohmmmmmmmm l'altra sera ho bevuto anche un goccino di rum, e i superalcolici non mi sono mai piaciuti, ma quel bicchierino è andato giù una meraviglia ^__^ ora sono rilassata! Bacioni

    @Shade: sono d'accordo quando dici meglio controllare piuttosto che passarci sopra ciò che mi fa incavolare è il modo e l'insensibilità con la quale mi è stata dato una notizia così. Sono strafelice che sei qui a raccontarmi la tua esperienza perchè ciò dimostra che ce la si può fare e anche alla grande! Faccio il tifo per te! Ti abbraccio fortissimissimo

    RispondiElimina
  17. cara sunflower..che dire...anche il mio medico è così..
    diciamo che spesso ignoro le cose che mi dice e vado subito per i fatti miei da un altro dottore!
    è molto ignorante per essere un medico chirurgo..e da quando mia zia è morta per via di un tumore allo stomaco, che lui diceva essere solo un'infiammazione...bè non mi fido più..non gli porto nemmeno le analisi del sangue..ormai le so leggere da sola, vado in farmacia e mi faccio consigliare le cose che devo fare..
    non vedo l'ora di cambiare città e quindi anche medico..potrei cambiarlo anche ora..ma nel mio paesino c'è solo lui e gli altri sono a pagamento (e molto salati!!)..
    comunque...meglio diffidare se già si pensa che una persona non è affidabile...te lo dico per esperienza...mia zia ha visto la sua vita scivolare via in un mese....:-(

    RispondiElimina
  18. meglio un controllo in più ma certi medici ti fanno venire un'ansia...
    il nostro è bravo ma quando mia mamma ha scoperto di avere la pressione alta ha fatto una scena che le si è alzata ancora di più!!!
    meglio consolarsi con questa bella torta!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Cara, meravigliosoquesto cake, e mi immagino il profumo deliozioso che emana!!!!!!!!!
    Ne assaggerei volentieri una fettina!!
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  20. mi dispiace per questa situazione...ma almeno con questo cake
    puoi tirarti su!!! bravissima!! baci!

    RispondiElimina
  21. oh mamma! meno male che è finito tutto bene! Il plumcake è eccezionale, buona giornata!!!!:)

    RispondiElimina
  22. Spettacolare, l'ho provato anch'io tempo fa!!! devo rifarlo!

    RispondiElimina
  23. Tesoro caro...ma cosa mi racconti!!!
    Intanto corri subito a cambiare medico!!!
    Ma coem si fà a far terrorismo psicologico del genere e per nulla per giunta!!! che rabbiaaaa!!!
    immagino te! ... è vero quello che dici.. a volte nel giro di un attimo le prospettive ...tutto cambia... a me è successo... il tutto ti fà apprezzare ogni istante di vita e tutti gli affetti, cose e persone preziose che abbiamo attorno anche nel nostro piccolo!!!
    ...ma che quelcuno mini il tutto per nulla ...non mi sta tanto bene!!!
    cmq ora sorridi ...io ti abbraccio forte e ti rubo una fetta di cake...adoro tutto ciò che è al caffè:)

    RispondiElimina
  24. adoro i dolci al caffè e questo non mi scappa! un bacio

    RispondiElimina
  25. mi dispiace tantissimo per quello che ti è successo... pensa che io ho appena "scoperto" di aver preso un farmaco per 12 anni ininterrotti senza che ce ne fosse stato bisogno... la risposta è stata "ah beh ci saremo sbagliati forse" ... non ti dico la rabbia...
    per me adesso è davvero difficile fidarmi di un medico... ti mando un caro abbraccio :* il cake sembra fantastico, morbidoe e fragrante, come sempre sei bravissima!

    RispondiElimina
  26. complimenti per le 100 ricette!! :D anch'io le ho raggiunte da poco!! non amo il caffè ma questo cake è bellissimo e farà felice il mio compagno!! bravissima! 100 di questi post!!

    RispondiElimina
  27. Sonia non avevo letto tutta sta storia e mi dispiace tantissimo per quello che ti ha fatto passare sto tizio...ma guarda tu!
    Il problema dei medici di oggi è proprio questo, parlano giusto per e non è una cosa ammissibile...
    su internet io sono andata due anni fa per sapere i motivi di un linfonodo dolorante...ci credi che ho passato un anno d'inferno e poi era solo una questione di nervosismo? :-(
    vai meglio da uno specialista quando pensi di avere qualche problema, ma lascia perdere i medici di base...non sono tutti gli stessi, ma oggigiorno hanno troppi grilli per la testa :-(

    RispondiElimina
  28. Se sei passata da me avrai di sicuro letto di mio papà..ti dico solo questo alle volte sarebbe meglio rivolgersi ad un veterinario e con questo ..lasciamo perdere!
    Non lascio perdere però questo bellissimo cake che andrà in forno per la colazione di Sara ;-)
    Un abbraccio e la prox volta prendi un libro e lascia perdere internet ;-))

    RispondiElimina

Benvenuto sul mio blog! Se vuoi lascia un commento, una critica, un saluto, come vuoi. C'è sempre da imparare...da chiunque! Grazie

ULTIMI POST...A TAVOLA

 

Oggi pane e salame, domani... Foto e testi di Sonia M. - Copyright © 2009/2012 - All rights reserved